Sede legale e ammi.va: Via Fogazzaro 4/B - 41037 Mirandola MO - ItalyTel +39 0535 611082 Fax +39 0535 610420 Cod Fisc e P.IVA 01990130369
email: info@physion.it
Segui Physion sui maggiori Social Network
  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page
Copyright 2016©Physion.it
Il nostro E-commerce online

 

PROTOCOLLI  DI TRATTAMENTO

ANESTESIA LOCALE (EMDA/LA) DELLA PARETE VESCICALE 

SOLUZIONE FARMACO:

NAROPINA 7.5% CON EPINEFRINA 1/100,000:          120 ml

 

Epinefrina 1/100,000   1.5 mg:                                                                                 1.5 ml

Acqua distillata:                                                                                                                                   30 ml

 

 

 

CATETERE-ELETTRODO

 

 CE-DAS® UROGENICS®/Ag 9701(fem.)

 

 

CORRENTE

 

: 22-23 mA

 

 

DURATA DEL TRATTAMENTO

 

: 25 minuti

 

 

POLARITÀ'

 

: POSITIVA (+)

 

 

TIPO DI CORRENTE

 

: Pulsata

 

 

RISE-RATE

 

: 50-60 mA/sec.

 

 

 

 

 

 

PROCEDURA

 

1.    Ansiolisi: desiderabile nella maggioranza dei pazienti.

       • una benzodiazepina la notte prima dell'intervento

                                                           oppure

       • midazolam 3 mg intra-muscolo 1-2 ore prima dell'intervento

                                                           oppure

       • midazolam 1-2 mg per via endovenosa 5 minuti prima dell'intervento

 

2.    Fare accomodare il paziente comodamente supino: non mettere in posizione ginecologica.

 

3.    Preparare una bacinella sterile contenente 200 ml di soluzione farmaco.

 

4.    Fare il test di gonfiaggio/sgonfiaggio del palloncino del catetere 2 volte a 5 ml con aria, come indicato nelle istruzioni per l'uso allegate al CE-          DAS® UROGENICS®.

 

5.    Cateterizzare il paziente con il catetere-elettrodo CE-DAS® UROGENICS® usando gel anestetico convenzionale (preferibilmente a base di                  lidocaina, idrosolubile), e gonfiare il palloncino a 3 ml con aria.

 

6.    Svuotare la vescica.

 

7.    Sciacquare rapidamente la vescica una o due volte per eliminare i residui e controllare che non ci sia sanguinamento.

 

8.     Introdurre in vescica 150 ml di soluzione farmaco. Lasciare attaccata siringa da 60 ml.

 

          9.    Programmare il PHYSIONIZER® come sopra indicato, seguendo il manuale d'istruzione.

 

10.  Scegliere due punti particolarmente lisci sull'addome per posizionare gli elettrodi dispersivi e pulire adeguatamente con alcool.

 

11. Inumidire due elettrodi dispersivi con soluzione fisiologica allo 0.9% o semplicemente acqua, quindi spalmare uno strato di gel conduttivo di almeno 5-7 mm sull'addome e posizionarvi gli elettrodi stessi. Assicurarsi, tramite leggera pressione e movimento, che vi sia completa adesione alla pelle e che non vi siano bolle d'aria.

 

12. Collegare le prese del CE-DAS® UROGENICS®/Ag e degli elettrodi dispersivi ai fili del PHYSIONIZER® (rosso al catetere e nero all'elettrodo dispersivo).

 

13.  Premere il tasto START sul PHYSIONIZER® per iniziare il trattamento.

 

14.  Ruotare il catetere di 1/4 di giro ogni 5-7 minuti.

 

15.  Barbotage dei contenuti in vescica (~ 50 ml) ogni 5-7 minuti ed ispezionare il liquido.

 

16.  Al 10° minuto del trattamento, ruotare il catetere di un altro quarto di giro. Aspirare 50-60 ml del contenuto della vescica e gettare. Introdurre i          restanti 50 ml di soluzione farmaco fresca.

      

17.  Al termine del trattamento (25 minuti) la corrente si azzera automaticamente e l'apparecchio segnala che la procedura è conclusa mediante              "beep" acustico.

 

18.  A trattamento ultimato drenare la vescica, sgonfiare il palloncino e rimuovere il catetere.

 

 

Durata dell'anestesia locale dal termine della somministrazione della soluzione farmaco con EMDA:

50 / 60 minuti

 

    INDICAZIONI

 

    - Biopsie.

    - TURB.

    - Incisioni del collo vescicale (BNI).

 

     CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE

 

- Allergia/Idiosincrasia verso gli anestetici locali (anamnesi dentale).

- Emorragia intravescicale massiva che denoti la rottura di una grossa vena.

- Gravidanza.

- Pazienti che assumano farmaci classificati come inibitori dell'ossidasi delle monoamine.

 

 

CONTROINDICAZIONI RELATIVE

 

- Strozzature dell'uretra o del collo vescicale.

- Psicosi manifesta (1-2% dei pazienti).

- Alcolismo (~ 1% dei pazienti).

- Infezione attiva (infiammazione generalizzata) delle basse vie urinarie.