Sede legale e ammi.va: Via Fogazzaro 4/B - 41037 Mirandola MO - ItalyTel +39 0535 611082 Fax +39 0535 610420 Cod Fisc e P.IVA 01990130369
email: info@physion.it
Segui Physion sui maggiori Social Network
  • Wix Facebook page
  • Wix Twitter page
  • Wix Google+ page
Copyright 2016©Physion.it
Il nostro E-commerce online

 

PROTOCOLLI  DI TRATTAMENTO

FASE II: TRATTAMENTO CON EPARINOIDI SULLA MUCOSA DANNEGGIATA

Soluzione farmaco                           : PENTOSAN : 200 mg

                                                             diluito in                         : 150 ml acqua distillata

                                                                                  oppure:

                                                             EPARINA                         : 15.000 unità

                                                             diluita in                          : 150 ml salina al 0.45%

                                              

 

Intensità di corrente                         : 20-25 mA

 

Tipo di corrente                               pulsata

 

Durata del trattamento                    : 20-25 min

 

Polarità                                             : NEGATIVA (-)

 

Rise-Rate                                          : 60-80 µA/sec

 

PROCEDURA :

 

1.Dopo aver lavato con acqua distillata sterile e drenato la vescica, introdurre 150 ml di soluzione farmaco nella vescica.

 

2.Programmare il PHYSIONIZERÒ attenendosi alle istruzioni per l’uso ad esso allegate: utilizzare i parametri sopra indicati. Invertire la polarità da positiva in negativa.

 

3.Ruotare il catetere di ¼ di giro ogni 5-7 minuti.

 

4.Barbotage (50 ml) ogni 5-7 minuti.

 

5.Il PHYSIONIZERÒ avverte del termine del trattamento mediante segnale acustico. A trattamento completato drenare la vescia e rimuovere il catetere

 

 

CICLO TERAPEUTICO CONSIGLIATO:

 

2 trattamenti con un intervallo di circa 14 giorni.

 

CONTROINDICAZIONI ASSOLUTE

 

  • Infezione del tratto urinario

 

  • Allergia/Idiosincrasia verso gli anestetici locali (anamnesi dentale).

 

  • Emorragia intravescicale massiva indicativa della rottura di una grossa vena.

 

  • Gravidanza.

 

  • Pazienti che assumano farmaci classificati come inibitori dell'ossidasi delle monoamine.

 

CONTROINDICAZIONI RELATIVE

 

  • Psicosi manifesta (1-2% dei pazienti).

 

  • Alcolismo (~ 1% dei pazienti).

 

  • Lobo mediano sporgente all'interno della vescica.

 

  • Strozzature dell'uretra o del collo vescicale.